Indizi del passato – Museo Geologico del Monticino

MUSEO GEOLOGICO DEL MONTICINO

Indizi del passato
I fossili del monticino

Lo studio dei fossili permette al paleontologo, una specie di “detective” della preistoria, di comprendere e ricostruire il passato più remoto. E’ così che i reperti rinvenuti nella cava del Monticino ci aiutano a fare luce su un intervallo di tempo geologico, compreso tra 7,5 e 4,5 Ma (= milioni di anni fa), assai importante per l’evoluzione dell’intera area mediterranea.

Formazione Argille Azzurre (5,3 - 1 Ma)


Molto ricche di microfossili, queste argille marine conservano anche diverse tracce degli organismi (soprattutto invertebrati) che vivevano nei fondali fangosi di questo antico mare “padano”. Presenti, benché particolarmente rari, anche resti di pesci e cetacei.

Formazione a COlombacci (5,4 - 5,3 Ma)

I fossili più comuni appartengono a molluschi di acque salmastre, quelli però di gran lunga più importanti ed ai quali si deve la fama scientifica di tale sito sono i resti di vertebrati terrestri – rinvenuti nei riempimenti di antiche cavità – tipici di un ambiente emerso di tipo tropicale.

Formazione Gessoso Solfifera (6 - 5,3 Ma)

Dai sottili interstrati argillosi provengono soprattutto fossili di pesci e vegetali, assai più rari i resti di insetti, uccelli e testuggini che nel complesso indicano una laguna costiera comunicante col mare.

Peliti eusiniche (7,5 – 6 Ma)

Conservano talora resti di molluschi marini, “ricci di mare” e pesci pelagici tra i quali abbondano i Mictofidi (“pesci lanterna”): tutto ciò suggerisce un ambiente marino abbastanza profondo.

Indizi del passato, i fossili del monticino
Scarica il pdf di questo pannello

Testi di M. Sami

IMPORTANTE

Questo sito non è aggiornato, per informazioni corrette sui musei dell’Unione della Romagna Faentina potete visitare i siti dei musei stessi o dei singoli Comuni.

Ci scusiamo per il disagio

Questo si chiuderà in 20 secondi